venerdì 10 settembre 2010

Consider The Thief, toccata e fuga

Ho da sempre avuto una certa passione per le piccole band sconosciute alle masse, forse perchè è il classico gruppo da consigliare ad un amico, sicuri poi di venir ringraziati per l'imbeccata. Io mi affeziono alle band così, è una sorta di istinto paterno. O forse è puro e semplice snobismo musicale.

Chiacchiere a parti la band in questione sono i Consider the Thief, quintetto di Sacramento, città che amo a priori grazie a personaggi come Chino Moreno e Chris Webber. Se volessi dare le coordinate direi che sono una versione più pop dei Thrice di Alchemy Index, specialmente per quanto riguarda la voce. L'album Signs And Wonders, oltre ad avere una bellissima copertina, è davvero un gioiellino contenente pezzi che farebbero impallidire la maggior parte delle cosiddette alternative rock band di oggi.

La cosa buffa, e allo stesso triste, è che i CTT si sono sciolti due mesi dopo l'uscita del loro primo ed unico album ufficiale. Andando sul myspace blog della band infatti si legge il classico messaggio d'addio strappalacrime corredato di indirizzi email dei vari componenti, disponibili ad essere contattati per formare nuove band. Ergo, se per qualche strano caso del destino c'è qualche italo-americano residente a Sacramento che sta leggendo non si lasci sfuggire questa ghiotta opportunità.

Se ti è piaciuto il post... condividilo!

1 commenti:

A. ha detto...

Non dire MAI a Dustin che li ho scambiati più di una volta per lui!!
ale

Posta un commento